I nostri vini vengono realizzati unicamente con le nostre uve, situate nella contrada Virzì, (Comune di Monreale, foglio di mappa 142), nel terreno limitrofo alla cantina, tanto da definirlo il giardino che circonda le nostre case.

 

Il ciclo di coltivazione inizia poco dopo la raccolta, dopo le prime piogge così da preparare il terreno per la semina del favino.


Seminiamo a filari alterni anno dopo anno e su specifici terreni disperdiamo le vinacce esauste della vendemmia.


Il favino viene interrato nella misura di 80 ql. per ettaro per poi essere triturato ed interrato all’inizio della primavera
 per apportare sostanza organica ed azoto, genera così un apporto massiccio di biomassa al terreno, crea copertura vegetale del terreno così da contenere l’erosione e a un controllo parziale delle infestazioni .


In primavera si procede alle lavorazioni del terreno con un coltivatore leggero ed è una pratica agricola che sostituisce l’aratura tradizionale.


Fine Marzo si aprono le gemme e si provvede a selezionarle eliminando i doppioni così da avere già due grappoli di uva da un solo tralcio.

Le vigne della stessa varietà sono state piantate in condizioni diverse così da avere una gestione a scalare dei lavori da fare in vigna così come le altre piante di varietà diverse.


Una volta che si crea la parete fogliare questa va gestita manualmente per avere i tralci che salgono perpendicolari alla pianta perché servirà quando i grappoli avranno il giusto spazio per crescere.


All’invaiatura, 40 giorni prima della vendemmia, che corrisponde con l’inizio della maturazione dei frutti, contraddistinto da un cambiamento di colore che dal verde originario va gradatamente verso il colore caratteristico, si provvede ad una ulteriore selezione per determinare quali grappoli arriveranno alla raccolta.


15 giorni prima della vendemmia si inizia a controllare le curve di maturazione delle uve così da capire l’andamento della vendemmia e si procede ogni 4/5 giorni alla verifica per controllare come diminuiranno gli acidi e come aumentano gli zuccheri secondo analisi, seguendo l’andamento fino al rapporto ottimale per il vino che si vorrà ottenere.


A questo punto inizierà la raccolta di quella uva che verrà ritenuta pronta per arrivare in cantina.